Confronta gli annunci

Come fare un’offerta vincente per l’acquisto di una casa?

  • 21 Settembre 2021
  • News
  • 0
Come fare un’offerta vincente per l’acquisto di una casa?

Quando si effettuano determinati tipi di acquisti, è necessario negoziare! Uno dei settori in cui la negoziazione e la controfferta sono maggiormente diffusi è proprio il mercato immobiliare.

Quando si compra una casa, complici i prezzi elevati a cui si tratta, è quasi impossibile che acquirente e venditore trovino subito l’accordo sul prezzo finale: esiste quasi sempre una trattativa, anche se minima, che prevede offerta e controfferta. Tuttavia, esiste una regola ferrea che vale sia da una parte che dall’altra: mai tirare troppo la corda.

Come si fa a negoziare l’acquisto di un immobile in maniera corretta? Esistono delle strategie intelligenti per effettuare una controfferta efficace, in grado di arrivare a una conclusione rapida e vantaggiosa della trattativa.

 

Perché è necessario negoziare

Quando si ha a che fare con cifre elevate è normale cercare di ottenere uno sconto sul totale, piccolo o grande che sia (ovviamente ai livelli delle compravendite immobiliari uno sconto anche minimo può avere un’incidenza di tutto rispetto sul prezzo finale.)

Questo però non è l’unico motivo che spinge a intavolare una trattativa immobiliare. La domanda principale che bisogna porsi è: la casa vale il prezzo a cui il venditore la propone?
Detto questo, si può trarre la seguente conclusione: tutti gli immobili partono da un prezzo più elevato rispetto a quello di mercato, in modo tale che con la controfferta e con la trattativa si possa raggiungere un compromesso accettabile per tutti.

 

Fare un’offerta ragionevole

La controfferta dev’essere ben ponderata.

Sfrutta al massimo la possibilità di visionare l’immobile: è importante controllare tutti gli aspetti dell’appartamento o della casa e porre domande all’agente o al proprietario, per avere tutti gli elementi in mano per una valutazione coerente.

 

Mostrati interessato ma non troppo

Un errore da non commettere è mostrarsi troppo interessati alla casa che si sta visionando!

I venditori capiscono subito l’interesse degli acquirenti e in questo caso la trattativa immobiliare potrebbe prendere una brutta strada, dando al venditore l’intero potere nella gestione della stessa.

Tieni sempre pronto un piano B durante la trattativa e fallo giustamente sapere al venditore col quale stai trattando: in questo modo si ha una maggiore serenità nel trattare l’acquisto e, nel caso in cui qualcosa dovesse andare effettivamente storto, si ha la certezza di avere le spalle coperte.

 

Non visitare l’immobile più di due volte

Come per il fatto di non mostrarsi eccessivamente entusiasti all’immobile, lo stesso vale per le visite che dovrete dedicarci. In fin dei conti, per avere una visione completa dell’appartamento o della casa e per scoprire eventuali problemi, non serve chiedere più di due appuntamenti se sfruttati nel modo corretto.

 

Porre dei limiti temporali alla trattativa immobiliare

Le trattative che si concludono meglio sono quelle che durano meno.

Indica sempre al venditore un termine massimo per l’accettazione della controfferta, oltre il quale dichiari di rinunciare all’acquisto. In genere si danno dai 3 ai 5 giorni per valutare al meglio la proposta, proprio per mettere pressione ma non eccessivamente.

Infine, ricorda sempre che in una trattativa immobiliare il buon senso è il migliore consigliere per raggiungere un rapido accordo, vantaggioso per tutti!

Post correlati

  • News

Cosa fa aumentare il prezzo di un immobile?

Il valore reale e di mercato di un immobile viene stabilito da diverse componenti, tra queste...

Continua a leggere
  • News

È meglio comprare una casa al mare o in montagna?

Seconda casa al mare o in montagna? Quando si sceglie dove comprare casa vanno presi in...

Continua a leggere
  • News

Perché comprare una casa al grezzo conviene

Per capire bene cosa significa immobile al grezzo devi immaginare un cantiere. Pensa alle mura...

Continua a leggere

Partecipa alla discussione